Se a volte ti senti così immerso in un blu profondo che non ha luce e il giorno dopo è mare e non puoi fare a meno di nuotare, sentirti lib...

Un blu immenso. Un blu immenso.

Un blu immenso.

Un blu immenso.


Se a volte ti senti così immerso in un blu profondo che non ha luce e il giorno dopo è mare e non puoi fare a meno di nuotare, sentirti libero e ridere.
Chissà se è maggiore la soddisfazione di un complimento o l'orgoglio, quello buono e non arrogante, che traluce dai suoi occhi.
Vivi come se dalle domande sparissero improvvisamente i punti di interrogazione, che  sì sono belli e tondi, ma non ne potevi più di vederli affollare i tuoi pensieri.
E poi scrivi parole che le mani non riescono a portare sullo schermo perchè sono troppo veloci, intrepidi e scattanti, parole giovani e fresche.
Vorrei sapere il se, cosa succederà.
Eppure una nuvola in un cielo non porta tempesta, e come dice la canzone se fuori piove senti che bel rumore.
Oggi mi manca ancora questo.
L'angolazione mutante delle cose, il nero che a volte è brillante, il freddo che invita all'unirsi per scaldarsi, il futuro che non per forza deve essere un esercito di puntini di sospensione.
Imparerò, traballante e insicuro, che la consapevolezza e il sogno se non coincidono non producono un disastro.
Proverò ad esserci, perchè il timore di non saperlo fare deve lasciar spazio allo sbocciare dell'idea.
Non navigherò sempre in un mare calmo, ma continuerò a nuotare e ti prometto che galleggiare non sarà l'alternativa valida per ovviare alla sconfitta.

20 comments:

  1. Io sono in quel blu e la mia speranza è che questo tuo racconto sarà per me il futuro! Non ho mai sentito nessuno che mi conosce descrivere la mia situazione così bene! Forse è proprio vero che quando la gente non ti capisce, l'aiuto ti arriva da altri. Devo dirti grazie, anche se so che evidentemente quel racconto lo stai vivendo tu... :*

    ReplyDelete
  2. @Miky, quando scrivo succede qualcosa di strano, è come se togliessi il piede dal freno che blocca le mie paure ed emozioni. So cosa vuol dire vivere nel blu che sembra inghiottirti..credo che il futuro lo meritiamo diverso e dobbiamo impegnarci, è uno scatto che non si trova facilmente!
    Sono felice che tu ti sia riconosciuto nelle mie parole perchè vuol dire che anche per te la riscossa è vicina :) un bacio!!

    ReplyDelete
  3. Speriamo!!! Complimenti per come scrivi, te l'avevo già detto, ma nn si sa mai... ;)
    Bacio, ovviamente ricambio volentieri!!! :P

    ReplyDelete
  4. "Imparerò, traballante e insicuro, che la consapevolezza e il sogno se non coincidono non producono un disastro"
    Voglio impararlo anch'io. Grazie!

    ReplyDelete
  5. @Miky, suvvia che i complimenti mi mettono a disagio!

    @Inconsapevole, se riesci ad impararlo prima di me fammi sapere, non a caso ho usato il termine "insicuro": sono pur sempre un sognatore! :)

    ReplyDelete
  6. credo che non sia un caso che siamo tutti qua, perchè condividiamo uno stesso sentire, ed è una bella fortuna perchè il farlo ci può dare forza. (io avrei più bisogno di tirate di orecchie, visto che tendo a galleggiare; temo che l'abitudine a farlo che mi ha accompagnata per molti anni sia dura a morire, inoltre, malgrado qualche tempo fa abbia detto il contrario proprio qui sopra, sento il peso dei miei anni). però voi due, Still e Micky, state nuotando davvero.

    ReplyDelete
  7. @Still: :P

    @Guchi: speriamo di non affondare, è così faticoso... :)

    ReplyDelete
  8. Che bella descrizione. Speriamo di imparare a stare a galla nel migliore dei modi quindi.

    ReplyDelete
  9. E' la stessa cosa che sento quando dipingo, tutto mi sembra possibile e le mie paure si attenuano.

    ReplyDelete
  10. @Guchi, credo si possa sempre nuotare a qualsiasi età :)

    @I'mso, grazie caro :)

    @Rano, speriamo...

    @Loran, si vede dai tuoi disegni!

    ReplyDelete
  11. Purtroppo le rivoluzioni nascono solo da situazioni difficili e dolorose.
    Purtroppo portano con sé parecchi turbamenti, come un terremoto ha le sue scosse d'assestamento. Stare a galla mentre ci scuotono è una soluzione temporanea, deve esserlo: poi bisogna nuotare - come credo dica tu - e non c'è sconfitta: quella lasciamola a chi si lascia travolgere dalla rivoluzione senza consapevolezza, la vittoria è di chi la rivoluzione la vuole fare.
    Ti voglio bene,
    OO

    ReplyDelete
  12. @Microo, a volte bisgnorebbe capire se la rivoluzione si può fare da soli o bisogna essere supportati!

    ReplyDelete
  13. Still, in generale penso che ci sia bisogno, comunque, di un supporto... Ho paura che le rivoluzioni 'da singolo' facciano nascere piccoli dittatori... :/

    ReplyDelete
  14. concordo con Miky, bisogna essere supportati..poi sta a te riconoscere chi può e chi vuole - sinceramente - supportarti da quelli che invece ti vogliono prendere in giro...l'amicizia non è un'opportunità ma una dolce responsabilità. Non ricordo dove l'ho letta ma mi sembra che calzi a pennello..magari l'hai scritta tu..

    ReplyDelete
  15. Bella questa, MicrOO, me la segno, sperando l'autore nn si offenda...

    ReplyDelete
  16. ecco dov'era..nel mio blog...nel post di domenica scorsa dove ero a io a chiedere aiuto.

    ReplyDelete
  17. Hahahhaha, che adorabile storditello... ;)

    ReplyDelete

E voi che ne dite?!