Ciao a tutti, è bello vedere che questo post, oltre ad ospitare la nuova puntata del racconto, è anche il 50esimo :) Vi ringrazio tutti per...

Un racconto incontrollato - 8 Puntata. Un racconto incontrollato - 8 Puntata.

Un racconto incontrollato - 8 Puntata.

Un racconto incontrollato - 8 Puntata.

Ciao a tutti, è bello vedere che questo post, oltre ad ospitare la nuova puntata del racconto, è anche il 50esimo :)
Vi ringrazio tutti per la forza che mi date, buona lettura!!



La città è tramortita dalla prima calura di Giugno, le persone non si fermano un secondo a guardare quel grande sole che ci brucia la pelle. Io mi blocco.
Siedo al tavolo di un bar. Sotto l’ombrellone mi colpiscono i riflessi della luce che mi colorano d’arcobaleno. Sono lì e penso mentre aspetto che il fumo del mio caffè scemi.
Penso alle opportunità di legarsi, all’essere in due, a trovare il noi che sgretoli l’io…mi interrogo sul se potrà mai esistere questo plurale.
Il problema è che io assorbo la vita e non la sento.
Il tempo che passa non mi sfiora perché se non fosse per il rintocco delle lancette io non lo riuscirei a quantificare.
Forse è per questo che posso star qui seduto col cervello acceso ma col cuore zitto, in pausa.
Pausa, amo questa parola. È fondamentale in musica e per me in fondo l’esistenza non è altro che una sinfonia, sempre incompiuta.
Non so da quanto non sento il pulsare dell’anima con quella stretta al diaframma.
Semplicemente non amo, non ho mai amato. Voluto bene, forse, a poche persone sia chiaro. La verità è che ho una naturale ritrosia perché so che non posso godere della completa disponibilità di chi si specchia nei miei occhi.
Sono tutti troppo pressati, stressati o abulici e annoiati per poterli possedere.
Non mi basta uno spicchio di cuore, non voglio un quarto d’ora per il caffè, né pizze “perché passare il sabato in casa da soli è deprimente”.
Voglio tutto. O nulla sia.
È per questo che non mi lego. O forse no.
Ho cavalcato le onde dei raptus passionali con uomini che godevano della libertà di poter sprofondare con i loro membri nelle mie carni come fosse un rito sacrificale.
Loro ne uscivano rigenerati e forti. Io, pur divertito dai loro vezzi d’amanti incalliti, mi trovavo vuoto come il rimbombo di un tuono in una foresta disabitata.
Erano mani che scoprivano di me i centimetri segreti, erano occhi ora bramosi ora delusi, erano pressioni e scalpiti, urla e sospiri e poi quell’attimo in cui pensi che col tuo fiotto tu abbia perso anche una parte di te.
La donna interiorizza, ma l’uomo cosa fa? Viene, esce fuori e si perde, confuso e stordito per essere passato da feroce predatore a semplice corpo che ha la necessità di sentirsi apprezzato.
Vorrei essere in grado di slegare tutta la sessualità che preme in me, eliderla per un attimo e riscoprire quel momento in cui tutto è iniziato. Quell’istante che mi ha reso incapace di essere noi, ora che sono solo un io, scoglio fra le onde in tempesta.

19 comments:

  1. Voglio tutto. O nulla sia.

    Quell’istante che mi ha reso incapace di essere noi, ora che sono solo un io, scoglio fra le onde in tempesta.

    La mia barca è sempre lì. Ma non posso avvicinarmi se non mi lanci un segnale per dirmi dove sei.

    ReplyDelete
  2. @Microo, il racconto non parla di me..è finzione!

    ReplyDelete
  3. 1) Scrivi troppo bene, te l'ho già detto;

    2) Abbiamo la stessa testa, forse anche questo te l'ho accennato, o forse l'abbiamo capito...

    "Ho cavalcato le onde dei raptus passionali con uomini che godevano della libertà di poter sprofondare con i loro membri nelle mie carni come fosse un rito sacrificale.
    Loro ne uscivano rigenerati e forti. Io, pur divertito dai loro vezzi d’amanti incalliti, mi trovavo vuoto come il rimbombo di un tuono in una foresta disabitata."

    ReplyDelete
  4. @Miky, 1)esagerato! 2)oddio spero che tu sia un pò meno cocciuto di me :p

    ReplyDelete
  5. E' una bella lotta, caro.... :D

    ReplyDelete
  6. dato che hai specificato che il racconto non parla di te, non so se questa affermazione ti appartiene o se ti sei limitato a metterla in bocca al tuo personaggio: "Voglio tutto. O nulla sia". quello che volevo dirti è che io ce l'ho questo difetto, ed è una grandissima fregatura. (bravo, mi è piaciuto come sempre!)

    ReplyDelete
  7. @Guchi, eh un pò è anche mia, purtroppo!!

    @Miky, lotta nel fango vero?! :P

    ReplyDelete
  8. questo brano è fantastico.toccante.non può essere "finzione".mi piaci ma non è una novità:)
    lost

    ReplyDelete
  9. 3 pensieri:
    "Il problema è che io assorbo la vita e non la sento"
    Io la assorbo, la sento pure ma la vivevo poco. Ora la vivo un po' di più, giusto un briciolo di più, e mi fa star meglio.

    Noi siamo fatti di piccoli passi, di piccole conquiste: il "o tutto o niente" ci paralizza.

    Anche se non è autobiografico, per esser scritto così bene, è stato almeno in parte sperimentato.
    Anche se non è autobiografico, per esser scritto così, racconta che sei una bella persona. Ma questo ormai era risaputo, non c'era bisogno di dirlo.
    Grazie!

    ReplyDelete
  10. credo ci sia sempre qualcosa di noi, in quello che scriviamo, sebbene il racconto non sia autobiografico.....

    ReplyDelete
  11. Sembra la mia vita, a perte il sesso che ne ho fatto poco, a volte mi capita di pensare se sarò mai capece di unirmi a qualcuno, di innamorarmi, di rinunciare alla vita da singolo? O è proprio per questo che fuggo appena sento che l'interesse per me si fa più serio o sono alla ricerca di un cacciatore che mi bracchi e non mi dia la possibilità di fuga tipo il personaggio di Antonio Banderas nel fil Legami.

    Ps. Still sei bravissimo questo tuo racconto mi piace veramente molto.

    ReplyDelete
  12. Tutto o nulla? :D ...io preferisco accontentarmi a volte! :D

    ReplyDelete
  13. @Lost, ahimè è finzione, certo c'è parte della mia "sensibilità" forse qualcosa che ho vissuto ma poca roba :)

    @Inco,grazie a te, i complimenti mi imbarazzano sempre molto perchè penso che un semplice grazie possa sembrare poco rispetto a quanto bene mi date voi con le vostre opinioni!
    Cosa ci sia di me nel racconto..per me poco, c'è però tanto di quello che vedo o sento da
    terzi.

    ReplyDelete
  14. @Bimbo, si la misura a volte varia..

    @Loran, mi chiedo spesso se l'uomo sia fatto per vivere di indipendenza o no..la risposta esiste ma è diversa per ognuno di noi, credo!
    (grazie per il complimento, complimenti per il film citato :P)

    @I'mso, ecco io no, ma a volte non sarebbe male accontentarsi!

    ReplyDelete
  15. Lotta nel fango?!?!?! Mmmmmmmmmmm :P

    ReplyDelete
  16. @Miky, il problema è che odio sporcarmi!!!

    ReplyDelete
  17. Anche io, amore, facciamo un compromesso: proporrei di sostiutire le parole "lotta" e "nel fango"... Vediamo, cosa potrei mettere al loro posto... Mmm, azz... Mi viene in mente solo "letto" e "scopata selvaggia" mannagg... E' un chido fisso... :D

    ReplyDelete
  18. @Miky, ammazza altro che chiodo fisso :P

    ReplyDelete
  19. :(

    Uffi, basta, io nn ti dico più niente, ecco... Hahhaaha :P

    ReplyDelete

E voi che ne dite?!