Considerando che ultimamente sento il bisogno di scrivere oggi posto una "prova tecnica di racconto" a puntate, in cui metterò an...

Prove tecniche di racconto. Prove tecniche di racconto.

Prove tecniche di racconto.

Prove tecniche di racconto.


Considerando che ultimamente sento il bisogno di scrivere oggi posto una "prova tecnica di racconto" a puntate, in cui metterò anche alcune cose realmente successe. Direte voi che lo fanno già in molti e che non c'è una vera e propria necessità di rompersi le balle con un altro tizio che scrive..penso che abbiate ragione se la pensate così.
D'altro canto il blog è il mio e faccio quello che voglio :p
Ho un'unica premessa, io non sono molto metodico e quindi per avere una seconda puntata, magari più corposa, non so quanto aspetterete e poi devo anche decidere un titolo quindi per ora è solo un'imbastitura e non so in cosa si evolverà questo raccontino-ino-ino.
Pruna Puntata.
Oggi mi sento smarrito, sfinito. È stata una giornata faticosa e inutile.
Po mi ha chiamato dicendomi che  avrebbe voluto vedermi; è preoccupato per me perché da un po’ di tempo sono sempre affaticato e abulico.
La verità è che mi sento fortemente preso per il culo dal mondo. Dopo aver studiato per anni mi devo sentire in colpa se ho trovato un lavoro, o almeno questo è quello che vorrebbero alcuni conoscenti.
Dicono che io sono “fortunato” e che non posso lamentarmi se quello che faccio mi porta via del tempo e non è ciò che desideravo.
Io vorrei sapere quale sia il loro concetto di fortuna, lavoro tantissime ore per un coglione che mi snocciola quattro monete a fine mese e per di più sono lontano anni miglia dal mio campo di studi.
Non riesco a lagnarmi, non l’ho mai fatto. È inutile e io voglio provare un po’ di tranquillità.

Po però è un amico e io non posso rifiutare di incontrarlo.
Ci siamo conosciuti all’università durante una conferenza sui flussi migratori, lui era lì perché studiava sociologia, io solo per prendere i tre crediti di laboratorio.
Ricordo che durante le poche pause, da buon lupo solitario quale sono, andavo fuori nel cortile a fumare una sigaretta, mi sedevo sul vaso di gerani e a testa bassa riflettevo sul come non farmi impressionare da quella povertà. 
Un giorno lui prese coraggio, si avvicinò a me talmente silenziosamente che io lo notai solo dopo che un’ombra mi copriva la testa.
Non so cosa lo spinse a parlarmi quel giorno, forse voleva solo una cicca e non sapeva a chi chiederla, forse era colpito dal mio essere astratto dal mondo.
Non mi sedetti mai vicino a lui durante tutto il corso, lui mi teneva il posto ma io preferivo mantenere un po’ di distacco; la mia fase di depressione cosmica era troppo in agguato per rovinarla con un’amicizia.
Ripensarci ora mi fa sorridere, da quando ci siamo conosciuti ho scoperto che il vero pessimista dei due è proprio lui, eppure non si direbbe a prima vista.
A volte quando lo guardo di nascosto lo trovo incredibilmente bello, mi chiedo perché fra noi non sia successo quasi nulla. Un giorno mi ha confessato che anche lui aveva un pensiero simile, gli piacevo e a volte aveva avuto il desiderio di prendermi e farmi suo, ma gli è sempre mancata la forza di farlo.
Paolo è così, sempre troppo riflessivo, sempre pronto ad andare con chi non gli interessa per poi essere incapace di realizzare qualcosa con chi gli prende più il cuore che il cavallo dei pantaloni.

16 comments:

  1. bello! (un giorno ricordami di raccontarti qualcosa a proposito del lavoro... non so quanto è autobiografico quanto hai scritto ma, nel caso, abbiamo un'altra cosa in comune.)

    ReplyDelete
  2. ...beh... che sei bravo a scrivere già lo sapevo bene! :D :D ....però se dici che alcune cose sono reali e altre no... io che sono "distratto" ...finirò per non capirci piu' nulla :D :D :D
    Bacioni :)

    ReplyDelete
  3. Diciamo che con la scrittura te le cavi piuttosto bene e questa prima puntata del racconto ne è la dimostrazione.

    ReplyDelete
  4. @Carolina, mi sa che dovremmo parlare davvero :)

    @I'msoguy, ma no tranquillo tanto non so quanto porterò avanti il racconto. E poi comunque scriverò sempre di me nei post con l'etichetta "iron me"

    @Loran, grazie mille, mi fa piacere sentirmi dire queste cose. ancora è nella fase embrionale chissà cosa ne uscirà :)

    ReplyDelete
  5. Complimenti per questa tua iniziativa... tu lo sai quanto mi piacciano i racconti a puntate (hihihi).
    Forse nei blog ci sono troppi che scrivono racconti, ma io penso che in più si è meglio è e poi leggere fa sempre bene!!!
    Complimenti per la tua scrittura e mi raccomando, anche se non sei così metodico come dici, non facci aspettare tanto per il seguito.
    A presto

    ReplyDelete
  6. Ciao Still!
    Ho iniziato a leggere di te solo un paio di giorni fa e ieri mi son letto tutto Russell e oggi sono passato a "Still".
    Ieri il mio cuore ha battuto fortissimo. Mi è presa un'angoscia ed ho provato un forte dolore e senso di vicinanza. Ho letto anche tanti commenti ai tuoi post e non so cosa sia vero e cosa no.
    Posso dirti che se pur una minima parte di quello che hai scritto è vero, sei una persona con una sensibilità e carattere che mi hanno colpito!
    un salutone,
    PD

    ReplyDelete
  7. Oddio....sono molto incuriosito dalla continuazione del racconto..anche perché trovo delle cose stranamente molto vicine...

    ReplyDelete
  8. Si si un bell racconto ......... Roma1974

    ReplyDelete
  9. AH dimenticavo: niente errori di grammatica che sai che son pignolo in ste robe! ahahaha!! :-P tvb

    ReplyDelete
  10. @Francesco, grazie mille, spero di riuscire a scrivere con un pò di regolarità come te :)

    @Pd, ciao! sicuramente in "Russel" c'è molto di me ma non tutto. il mio amico aveva più vitalità e "giocosità" di me ma aveva anche passato dei momenti molto bui. Con questo blog cerco di essere semplicemente quello che sono, spero di dimostrare di avere un pò di sensibilità e carattere. Un saluto e grazie per il commento!

    @Roma, grazie (ben tornato!!)

    @Microo, ma vicine a come sono io o a come sei tu? uhm meno male che non ci sono errori :D un bacio!

    ReplyDelete
  11. si si son tornato ma nn ero andato troppo lontano..... cmq anke nel Tuo blog c'e' vitalità e giocosità....capito?........Roma1974

    ReplyDelete
  12. mi piace questa tua iniziativa spero che duri.ho ritrovato delle "vecchie sensazioni"....sai quanto ne fossi affezzionato.baci
    lost

    ReplyDelete
  13. vicine a come sono io...ma non ti dico che cosa mi ha colpito e che mi ha fatto pensare a questo

    ReplyDelete
  14. Qui comincia l'avventura...
    Aspettiamo altre puntate.
    Ma fai come dici: con i tuoi tempi, quando ti va,... perchè il blog è il tuo e devi farne quel ti pare

    ReplyDelete
  15. @Roma, grazie mille :)

    @Lost, vedremo come far evolvere la storia :)

    @Microo, rispetto il tuo non volerlo dire!

    @Inconsapevole, grazie caro :)

    ReplyDelete
  16. Fai quello che vuoi, io ti seguirò cmq!!! :)

    ReplyDelete

E voi che ne dite?!